Ci sono persone che ti entrano nel cuore senza un motivo, senza una ragione…
Ci sono persone che ti prendono l’anima e l’abbracciano con uno sguardo o con una parola…
Lì rimangono per sempre impresse e qualunque cosa accada sai che non potrai fare a meno di amarle!
(S. Shan)

Io e Valentina Scannapieco aka Occhi Ovunque, ci siamo conosciute sul web, quasi per caso e non ci siamo lasciate più! Avete presente quelle belle persone che non puoi non amare?

Se ho bisogno di un parere diretto e sincero, chiedo a Valentina Scannapieco. Mi fido di lei. E mi piace come lavora: lei ha disegnato le mie partecipazioni di nozze. Ha realizzato il logo del mio blog.

Ho pensato di intervistare Valentina, per farvela conoscere meglio.

Lei è Valentina Scannapieco aka Occhi Ovunque.

Valentina, mi racconti quando è nata la tua passione per la cucina?

V. In realtà non era una mia passione, io in fondo amo mangiare bene, sono una curiosa alimentare, pur amando la tradizione e le ricette tipiche mi incuriosiscono gli abbinamenti nuovi, le sperimentazioni.

Ecco questa passione e quella della cucina le eredito dal mio papà, il cuoco pasticcione di casa.

Ha un innato amore per fare i dolci e prepara la miglior pasta al tonno della storia, saporitissima: salsa di pomodoro fatta in casa, tonno sottolio in barattoli di vetro, capperi, olive nere, un po’ di aglio fresco e voilà, mio padre è il mio chef preferito 😀

Come è nato il blog Occhi Ovunque?

V. Ha una storia un po’ strana, inizialmente era un diario personale in cui ospitavo anche i pensieri di amici e blogger online.

Poi mi sono focalizzata sul mondo food senza mai lasciare, però, la mia passione per l’illustrazione: così è nata la “cucina a fumetti”.

Il nome Occhi Ovunque, invece, viene dal nomignolo dato al mio cagnolino, un volpino a pelo raso, curioso ma soprattutto goloso (lo vedete spesso negli scatti delle ricette).

Ora il blog sta riprendendo un po’ del passato con la sezione diario, più personale, più a cuore aperto.

Qual è la ricetta preferita di Valentina Scannapieco?

V. I pancake al limone, sono semplici e raffinati, dal sapore delicatissimo. La preparazione non è solo alla portata di tutti (attenzione solo alla cottura) ma anche molto rilassante, almeno questo è l’effetto che ha su di me.

Li adoro preparare a fine serata con la tv da sottofondo, mi scrolla via tutto lo stress della giornata e poi lascia in casa un profumino che resta fino al risveglio, e cosa c’è di meglio al mattino se non svegliarsi col profumo di dolce?

La ricetta la trovate qui PANCAKE AL LIMONE SENZA UOVA E SENZA LATTOSIO

Recentemente hai parlato di un nuovo progetto sui social network. Di che si tratta?

Come ti dicevo il blog si sta rivestendo delle origini con dei post a cuore aperto che parlino di me, che mi permettano di esprimere la mia passione per la scrittura, per l’illustrazione.

Ma in questa avventura mi piacerebbe portare con me i miei lettori in una sezione dedicata alla posta del cuore, in cui scrivere a 4 mani con i lettori.

Il progetto nasce per riempire di cuore e verità ciò che si legge in rete, ultimamente mi guardo intorno e vedo crescere finzione e incoerenza truccata di verità, non mi piace.

Mi piace chi racconta e si racconta mettendo l’anima, vorrei prendere esempio da loro e metterci del mio. Non ti dico di più 😛

Il progetto di Valentina Scannapieco nasce per riempire di cuore e verità ciò che si legge in rete.

Com’è Valentina Scannapieco? Mi dici 3 qualità che la contraddistinguono?

Valentina è testarda, entusiasta e sognatrice, a lei piace migliorare la giornata alle persone, sorridere con loro, ascoltarle ore ed ore, anche i silenzi.

Le piace camminare per strada, perdersi per le viuzze, osservare senza fretta, è una sognatrice.

Pensa che un po’ di anni fa mi dedicavo un venerdì ogni 15 giorni per l’osservare il risveglio della città.

In pratica scendevo per le strade di salerno e in attesa che i negozi aprissero alle 9,30, mi perdevo per le strade osservavo il nonno che accompagnava i nipoti a scuola, la mamma che correva a lavoro, le botteghe che sistemavano la merce fuori dai negozi.

Adoro quando la città si sveglia e quando dorme, il mentre lo trovo troppo caotico, privo di essenziale magia, si corre troppo.

Ora, invece, vorrei sapere i 3 difetti di Valentina Scannapieco…

Sono tremendamente sincera ma anche diplomatica, diciamo che però non sopporto l’ipocrisia e chi insiste su cose che non sa, lì veramente perdo la pazienza.

Un altro difetto? Sono perennemente affamata e faccio tutto seguendo il mio spirito, quindi magari all’esterno un po’ incomprensibile 😀

Da 1 a 10 quanto ti sostiene la tua famiglia nei tuoi progetti?

V. Un 9 pieno (dai il 10 sembrerebbe di parte no?).

A loro chiedo pareri, confronti. Mi aiutano, mi seguono agli eventi in zona, spesso mia madre si diverti anche ad apparire nella mie stories su Instagram 😀 è la mia prima fan.

Okay, ci ho ripensato un bel 10 e lode.

Occhi Ovunque è il blog di Valentina Scannapieco.

Che cosa ti piace fare nel tempo libero?

V. Ascoltare musica, scoprire nuovi artisti, passeggiare e fare escursioni in montagna (mi calma il caos dell’artista, semmai fossi tale :P), programmare viaggi: trascorro il tempo libero scoprendo 😀 metti che da piccola volevo fare l’esploratrice, posso dire alla me piccolina che ho realizzato un sogno.

Ultimo libro che ha letto Valentina Scannapieco?

V. Questa è difficile, perché leggo libri a puntate quindi ne ho tipo 3 da finire, tra cui Prometto di sbagliare di Chagas, uno scrittore portoghese che ad ogni parola mi toglie il respiro.

Romantico ed esagerato ma poi vero e crudo, parla dell’amore in un modo così naturale in dialoghi immaginari, diciamo che mette a nudo i discorsi trasparenti che abbiamo quotidianamente col nostro cuore e non abbiamo, troppo spesso, coraggio di dire.

Coraggio e sbagliare negli ultimi giorni sono le parole che preferisco (su cui ho scritto l’ultimo post in una lettera a me stessa e alle tante persone che mi scrivono).

“Da grande”, cosa ti piacerebbe fare?

V. Il supereoe fatato delle anime fragili e luminose 😀

Non scherzo, mi piacerebbe ascoltare le persone, molti amano parlare ma non capiscono che è ascoltando che si arricchisce veramente l’anima, perché non solo si dona disponibilità e tempo ma si riceve anche.

Che dici, ci riuscirò? 😀

Grazie a Valentina Scannapieco per la disponibilità e per l’utilizzo delle immagini.