In agosto qui a Nashville scatta il back to school. “Così presto??” Direte voi. Sì, nel Tennessee le scuole terminano a maggio, per ritrovarsi ad agosto già sui banchi di scuola.

Adelaide comincerà a breve il child care, prima però deve terminare le vaccinazioni obbligatorie. Io vaccino le mie bambine anche in Tennessee.

Io vaccino le mie bambine anche in Tennessee!!

Qui a Nashville se non vaccini i tuoi bambini, non potranno frequentare nessun child care, preschool, elementary school eccetera eccetera. Il college lo vedranno in cartolina, come si suol dire.

Quando si compila la domanda di ammissione per l’iscrizione a qualsiasi scuola, qui a Nashville è necessario allegare il “Certificate of Immunization”. Senza quello non si va da nessuna parte.

“Come sono estremisti questi americani?” ribatterete voi. Forse sì, ma io condivido lo stesso pensiero.

In questo primo mese, mi sono guardata attorno, ho “studiato” per così dire l’ambiente nuovo che mi circondava. Qui la maggioranza delle famiglie ha dai 3, 4 figli o più. I Nashvillians amano le famiglie numerose. I Nashvillians amano circondarsi di bambini, di bambini vaccinati.

Io la vedo una cosa positivissima. E lasciate stare i discorsi sul giro di denaro che c’è, delle case farmaceutiche che spingono dietro.

Qui si sta parlando di salute. Qui si sta parlando di comunità in salute.

In questi giorni ho letto notizie poco incoraggianti dall’Italia. Due casi di meningite fulminante. Due vite spezzate in gioventù. Il mio pensiero va ai genitori, agli amici e parenti delle vittime.

Prego che le cose possano cambiare al più presto in Italia, perché non se ne può più di sentire notizie del genere!!

Da svariati mesi seguo su Facebook Roberto Burioni, medico, docente di virologia e microbiologia, specialista in immunologia clinica, insomma uno che sa il fatto suo, non un ciarlatano.

Commentando i recenti fatti di cronaca, il Dottor Burioni ha scritto sulla sua pagina:

“Ribadiamo per l’ennesima volta che il vero modo per proteggere gli adulti dal meningococco è VACCINARE TUTTI I BAMBINI. Nel Regno Unito a partire dalla fine degli anni ’90 si sono vaccinati tutti bambini (non è obbligatorio, ma evidentemente i cretini antivaccinisti sono in numero minore che in Italia) e non solo si sono azzerati i casi tra i bambini, ma anche tra gli adulti.

Questo fatto, ovvero che vaccinando i bambini si difendono gli adulti, è la risposta agli antivaccinisti particolarmente idioti che affermano “se io non vaccino mio figlio sono fatti miei, a te cosa importa?” Importa, perché se tu fesso e non vaccini tuo figlio anche io e tutti gli altri adulti corriamo il rischio di contrarre la meningite, rischio che sarebbe minimo se tutti vaccinassero i loro figli…”

Questo consiglio è valido per tutti gli altri vaccini obbligatori e quelli consigliati in Italia.

Io per non sbagliare, vaccino le mie bambine anche in Tennessee.

PH by Giorgia Balestri © 2016 Once Upon A Dream – Tutti i diritti riservati

firma_blog