Oggi pensavo a quella calda e afosa mattina di fine maggio, dove mi recavo con tanto di pancia che stava per esplodere e bambina Adelaide noiosa e annoiata al negozio per fare la Lista Nascita di Ginevra. Anche per la primogenita avevamo scelto questa soluzione, ci sembrava giusto ripetere per non fare differenze. Catalogo in mano per me e penna nera e foglio bianco per la commessa: tra un articolo e l’altro, riempivamo un foglio protocollo e più. Ma davvero sono questi i regali che contano?

Ad un mese esatto dalla nascita di Ginevra, la penso diversamente. Per carità ricevere regali fa sempre piacere, gli occhi di Adelaide si illuminano quando c’è un pacchetto da scartare, ma volete sapere cosa mi fa commuovere dalla felicità? Cosa può servire ad una mamma alle prese con due bambine piccole e una casa da gestire, che non troverà mai in nessuna lista nascita? 5 regali che contano:

  1. Mamma che ti chiede: “Posso lavarti un po’ di panni? Ho visto che la cesta è piena… Lì per lì sei titubante e ti vergogni, ma poi ti convinci che è la cosa migliore da fare e le fai gli “Auguri” per la montagna di vestiti accumulati in quella cesta. Così vuota non l’avevo mai vista, giuro!
  2. Casa non incasinata, ma di più e sorella che si rimbocca le maniche e ti pulisce da cima in fondo, almeno riesci a sederti da qualche parte per la centesima poppata. Lo sai che così ordinata e pulita la casa durerà poco, il tempo che polpetta Adelaide alias Selvaggia ( no Lucarelli, Selvaggia e basta ) metterà tutto a soqquadro.
  3. Non hai chiuso occhio tutta notte, perché polpettina Ginevra aveva le coliche e papà, il mio papà, suonerà il campanello inaspettatamente e dirà: “Posso portare Adelaide al parco?” Tutto questo vorrà dire farsi una doccia in tutta tranquillità ( si fa per dire eh ) e rilassarsi qualche minuto aspettando la prossima poppata.
  4. Sei in preda ad una crisi isterica: polpettina Ginevra si addormenta e polpetta Adelaide la sveglia… Ecco la provvidenza: gli amici che passano sotto casa e vanno al parco, caricano sul passeggino polpetta Adelaide e come nelle favole a lieto fine, alle 22 dormono tutte e due.
  5. Sono le 3:00 del mattino e polpettina Ginevra non ne vuole sapere di dormire e quasi marito, che la sera prima aveva puntato la sveglia per le 5:30, si alza, ti prende la bimba dalle braccia e ti sussurra: ” Perché non ti riposi un pochino?” Piango non so se per la felicità o per la stanchezza!?

Uno dei regali più belli, la mamma che ti lava tutta la roba sporca e ti vuota la cesta!

Per ora dico solo GRAZIE. Grazie per questi meravigliosi regali, grazie per aver sacrificato del tempo prezioso per me e le bambine, ve ne sono davvero grata e spero vivamente di contraccambiare la vostra generosità!

Pubblicai questo post il 31 Luglio 2015 sul mio blog Ninna Nanna Ninna – O.

PH by Giorgia Balestri © 2016 Once Upon A Dream – Tutti i diritti riservati

firma_blog