Hai partorito e finalmente ricevi la bella notizia che in mattinata verrai dimessa: non stai più nella pelle, perché non vedi l’ora di tornare a casa con la tua pargola per cominciare la vostra vita a quattro. Prima però devi sapere 5 cose +1 :

  1. Per tutto l’inverno hai fatto gli scongiuri perché tua figlia non si ammalasse è tutto sommato è andata non bene, ma benissimo. Torni a casa dopo solo due giorni di ricovero e ti ritrovi la primogenita raffreddata e smoccolante, quasi marito con la tosse tipo fumatore incallito e niente, tempo ventiquattr’ore tutti e quattro col raffreddore etchi. Dalla serie chi ben comincia…
  2. Tu mamma lo sai che non appena cambierai il pannolino al tuo pargolo e lo attaccherai al seno, tempo una frazione di secondo si farà la pupù addosso? Bleeeee. O magari ti eri ritagliata due minuti e dico due miseri minuti per farti una doccia e pargolo ti rigurgiterà sulla spalla?! Dicesi tempismo perfetto.
  3. Non farà caldo, di più, manco gli ultimi cent’anni e pargolo vorrà dormire solo in braccio aaargh. Niente in confronto ai capricci e le crisi isteriche della primogenita con l’arrivo a casa della sorellina.
  4. Per quasi un anno hai mandato a destra e manca curriculum personali per trovare un posto di lavoro part – time, ma nessuno ti aveva filato. Torni a casa dall’ospedale e ricevi ben due chiamate per fare colloqui di lavoro… Ehm… Dopo la prima settimana di allattamento a richiesta, non sai chi sei, che ore sono, dove ti trovi, insomma non sarai mai pronta per fare due colloqui di lavoro sob.
  5. Arriverai a casa e sembrerà scoppiata una bomba atomica, neanche un angolo di casa salvo e non farai in tempo a riordinare che sarà tutto incasinato come prima. Non troverai nemmeno le mutande sepolte sotto una montagna di panni da piegare. Niente paura: tanto ci penserà Adelaide a scaraventarla a terra ogni tre per due, ricordandoti ogniqualvolta che dovevi sistemare i panni, ma che non hai avuto tempo o forza per farlo sic.
  6. Dulcis in fundo, esci di casa con la scusa di buttare la spazzatura e prendere una boccata di… calura estiva e incontri “personcina” che sorridendoti da lontano si avvicina e ti chiede: “Che bella pancia, quando nascerà il bambino?” – “Veramente ho partorito qualche giorno fa…” E allora boppity, per chi non conoscesse questo termine tipico dei fumetti, vi consiglio di leggere qui. 😉

Sei sicura che vorrai uscire dall’ospedale, perché poi non si sta così male: alla mattina c’è chi ti rifà il letto e ti apre le finestre per cambiare aria; hai a disposizione lo staff di ostetriche e puericultrici per ogni necessità, il pranzo e la cena sempre pronti, devi solo impugnare la forchetta per mangiare e la TV c’è se hai voglia di svagarti, insomma è come stare in hotel no eh?!

Prima di tornare a casa con un neonato, devi sapere 5 cose +1.

PH by Giorgia Balestri © 2016 Once Upon A Dream – Tutti i diritti riservati

firma_blog