Voglio parlarvi di una procedura mai quanto preziosa ed efficace tutto l’anno, sia come cura, sia come prevenzione per i nostri bambini: il lavaggio del naso. A noi ci ha “salvato parecchie volte la vita” o almeno abbiamo evitato il soggiorno in ospedale, quando Ginevra aveva pochi mesi di vita! Il lavaggio del naso è la strategia più semplice, più sicura ed efficace per prevenire le infezioni delle vie aeree e l’otite e per mantenere idratata la mucosa nasale, favorire la rimozione delle secrezioni e agevolare la respirazione durante il sonno.

Per pulire il nasino dei bambini è necessario il lavaggio del naso, per evitare raffreddore ed otiti.

Prendere la sana abitudine di fare il lavaggio nasale sin dalla nascita è importante: i bambini troppo piccoli hanno spesso un sistema difensivo non ancora preparato ad affrontare le aggressioni microbiche e troppo piccoli per soffiarsi il naso, quindi sono maggiorante esposti alle complicanze dovute al naso chiuso, tra cui l’otite! Il muco costituisce un meccanismo di difesa naturale, in quanto consente di intrappolare ed eliminare i germi: è questa la ragione per cui la sua produzione aumenta in caso di irritazione delle vie aeree, ma anche il motivo per cui, in caso di accumulo, esso può diventare terreno fertile per i microrganismi.

Per il lavaggio nasale sono disponibili flaconi monouso di soluzione fisiologica, un po’ cari però; c’è la soluzione isotonica (cioè con la stessa concentrazione salina dei tessuti dell’organismo) e anche l’acqua di mare, opportunamente trattata e sterilizzata. Noi per comodità a casa usiamo il flacone di soluzione fisiologica da 500 ml, poca spesa massima resa. Quando invece siamo in viaggio, per evitare di portarci appresso troppe cose, abbiamo optato per l’Acqua di Sirmione, acqua termale sulfurea 100% per l’igiene quotidiana del naso e della gola negli adulti e bambini: i flaconi sono sigillati uno per uno e hanno una ragionevole data di scadenza.

La tecnica normalmente suggerita prevede il bambino sdraiato a pancia in su con la testa ruotata da un lato, introducendo la soluzione dalla narice che resta in alto. L’eventuale ingestione della soluzione impiegata non comporta nessuna conseguenza. Il medico otorinolaringoiatra ci ha consigliato di utilizzare almeno 5ml di soluzione fisiologica per narice: la mia bambina più grande ha due anni e mezzo; in base all’età, cambia la quantità di soluzione iniettata nelle narici. Per il neonato basterà una dose minore di soluzione fisiologica! Ecco un video che riassume brevemente la tecnica giusta da fare 😉

Il lavaggio nasale in condizioni normali di salute lo eseguiamo due volte al giorno, mattina e sera; in caso di raffreddamento potrebbe essere consigliabile aumentare la frequenza anche 4-6 volte al dì!

E Voi trovate il lavaggio del naso una tecnica efficace?

(Immagini dal web)

firma_blog